7x7+7

Home page
PROspettive
RETROspettiva 1
RETROspettiva 2
Contatti
Link

 

 

Il titolo completo è: 7x7+7. Otto filastrocche per voce di mamma, illustratori e nastro magnetico.

Le musiche sono di Riccardo Piacentini, i testi di Alfonso Cipolla, i fonemi di Leonardo.

Di che si tratta? Di uno spettacolo per bambini delle scuole elementari, della durata di circa un'ora, la cui prima rappresentazione è avvenuta nel 1995 al Teatro Macario di Torino per la X edizione della Rive-Gauche Concerti (soprano Tiziana Scandaletti).

 

Il numero complessivo delle rappresentazioni di 7x7+7 è giunto tutt'oggi a ventinove. Tra queste ricordiamo:

• le ventuno repliche al Centro Busoni di Empoli,

• le due al Teatro Quirino di Roma per la stagione dell'Accademia di Santa Cecilia,

• in lingua russa al Teatro Ilkhom di Tashkent in Uzbekistan,

le due al Teatro Lux di Terni per la stagione della Associazione Filarmonica Umbra.

 

In 7x7+7 c'è una mamma, seduta su una grande poltrona nell'atto di leggere e cantare un librone magico, pieno di sogni e di storie... Ci sono due illustratori, che seguono i racconti ricreandoli estemporaneamente in immagini riprodotte su un grande schermo... E c'è un nastro magnetico, che a sua volta segue e commenta.

Il filo conduttore delle storie è quello della paura, vista con gli occhi dei bambini ed esorcizzata dalla presenza rassicurante della mamma. I testi - scritti da Alfonso Cipolla, che ha rivisitato alcuni temini del repertorio scolare - affrontano argomenti vivissimi nella fantasia del bambino: la solitudine, il mostro, la guerra, i rumori, l'orso, il sopruso, la voglia di scappare di casa... in una parola i temi legati al mostro dei mostri: la PAURA. E per fortuna che ci sono la fata, e il re, il papà, la mamma!

Divertenti i ritornelli, costruiti sui fonemi del piccolo Leonardo (che all'epoca della composizione aveva un anno). Ordinati in una sintassi fittizia, generano dei simpatici scioglilingua come: Cochèchicìccicùccugliàcu - cochèchicìccicùccucò - cochèchicìccicùccugliàcu - cochèchicìccicùccucì...

La musica, rigorosamente eufonica e tonale, è giocata su contrappunti ironici, tra Mozart e Dubois. La melodia di ciascuna filastrocca viene progressivamente intrecciata con altre sei che sul nastro magnetico formano una girandola di suoni.

Ecco spiegato l'enigma del titolo: 7 filastrocche x 7 melodie ciascuna + 7 (ottava filastrocca conclusiva).
 
 


 
 

Rive-Gauche Concerti
Tel. e fax +39.(0)11.6614170
Strada degli Alberoni 12/22, 10133 Torino (Italia)
rgauche@arpnet.it

Copyright © 1998, Rive-Gauche Concerti
Data di creazione 11 maggio 1999
Ultimo aggiornamento 4 gennaio 2004
 

Home page
PROspettive
RETROspettiva 1
RETROspettiva 2
Contatti
Link