Miracolo a Genova

 

1

C.S. La Spezia

10

 promossa in A2

2

C.S. Imperia

6

 

3

C.S. PBT Scacchi

6

 

4

S.S. Torinese A

4

 

5

C.S. Genova

1

retrocessa

6

S.S. Torinese B

0

retrocessa

 

Siamo partiti con l'ambizione di vincere il torneo, per conquistare il posto in serie A per l'anno prossimo con una bella squadra sulla carta, ed il primo turno ce ne ha dato la conferma: infatti nonostante l'assenza delle prime due scacchiere abbiamo battuto i giovani della SST 2, Sorcinelli, Xausa, Nardelli e Sola (fortuna che l'anno prossimo non ci sarà più questo accoppiamento sennò le buschiamo ...).

Il secondo turno ci ha mostrato la dura realtà in quanto la squadra della Spezia, neanche nella formazione migliore, ci ha regolati con un perentorio 3-1 che non lascia adito a dubbi. Lo Curto col Bianco alla 9 mossa era già in posizione disperata col M. Vaccani, mentre il sottoscritto in prima col Nero, opposto ad Albano (chi mi sa dire qual è il giocatore italiano che ha pattato col Karpov campione del mondo?) dopo avere giocato una buona partita d'attacco sprecava tutto con un erroraccio posizionale.

Nel terzo turno si andava ad Imperia per vincere (gufando gli spezzini) e quando le cose sembravano andare per il verso giusto Fuggetta sprecava una posizione vinta con una bella combinazione, dimenticando di contare i pezzi!

Al quarto turno succedeva il fattaccio, infatti sembra incredibile che ci si debba presentare in tre quando ci sono dieci persone in squadra, ma tant'è. Così si perdeva anche col PBT.

L'ultimo turno a Genova si è finalmente compiuto il miracolo della salvezza con un 3,5 a 1/2 a favore dei nostri paladini.

Dal punto di vista del gioco, ce ne sono stati sprazzi isolati ma incostanti. Si lamenta una certa inconsistenza di spirito di squadra che invece si riscontrava in diverse nostre concorrenti, tra le quali è da citare la SST 2 per spirito di combattività ed amicizia tra i giocatori. Se si deve rifare la squadra il prossimo anno, questo potrà essere uno spunto di riflessione.

 

DE BARBERIS - BERTINO

Centurini - Sst

1.e4 d6 2.Cc3 Cf6 3.d4 g6 4.Ae3 c6 5.h3 Cbd7 6.f4 b5 7.e5?! Mossa imprecisa, giocata per confusione tra le varianti teoriche. 7... b4 8.ef6 bc3 9.bc3 Cf6 10.Ad3 Ag7 11.Cf3 00 12.00 e6 13.Tb1 Dc7 13... Da5 14.c4 Da2? 15.Dd2 Da6 16.c5 Da2 17.Ta1 Dd5 18.c4 Dh5 19.cd6+-) 14.c4 Ad7? 14... Aa6 15.c3 c5 16.De2 Tfc8 17.Tfc1 e la forte pressione sulla semi-colonna dà il vantaggio al Nero. 15.De2 c5 16.Tb3 Sembra paradossale, ma i pedoni doppiati sulla colonna semi aperta sono una debolezza ampiamente compensata dall'attività dei pezzi al centro ed il possesso della colonna. cd4 17.Cd4 a6 18.Tfb1 Tfb8 19.Df3 d5 20.c5! Tb3 21.cb3 ora i pedoni sono a posto ed il Bianco è in vantaggio in quanto i suoi pedoni passati sono quelli lontani. Af8 22.b4 Ac6 23.a3 Aa4 24. De2 Ah6 25.g3 Ch5 26.Df3 Ag7 27.Af2 e5 28.fe5 Ae5 29.Rg2 Td8 30.Te1 f6?? Zeitnot 31.Ce6 Dc8 32.Cd8 Dd8 33.Aa6 1-0 (analisi di De Barberis).

 

Sommario | Articolo Precedente | Articolo Successivo

Centro d'Avviamento allo Sport