Le Scienze dell'uomo a Torino

 

 

marro1.JPG (17330 byte)
"Momento di pausa di un gruppo di operai durante una campagna di scavo della Missione Archeologica Italiana ", fotografia scattata da G. Marro (Museo di Antropologia ed Etnografia dell’Univ. di Torino)

L'ambiente scientifico torinese Ŕ caratterizzato, a partire dagli ultimi decenni del secolo scorso, da un clima culturale vivace, aperto allo sviluppo delle scienze 'positive' e del darwinismo. Nella sovrapposizione di interessi e metodologie tipica di quel periodo, numerosi ricercatori si dedicano allo studio della diversitÓ umana, intesa nei suoi aspetti biologici, culturali ed ambientali.Nel 1873 il geografo Guido Cora fonda a Torino la rivista Cosmos, che porta all'attenzione del pubblico le esplorazioni condotte nelle regioni extraeuropee.

Nello stesso periodo Carlo Giacomini, che fonderÓ il Museo di Anatomia dell'UniversitÓ di Torino, si dedica allo studio sistematico dell'anatomia del "negro", con l'obiettivo di estendere l'indagine a popolazioni non europee.

 

Partecipe dello stesso clima culturale Ŕ Giovanni Marro, antropologo, medico e psichiatra, che nei primi anni del Novecento svolge a Torino studi osteologici sulle popolazioni africane, occupandosi in particolare degli egiziani antichi.

Cesare Lombroso, il fondatore dell'antropologia criminale, si occupa a sua volta a pi¨ riprese di 'razze' africane.

 

Informazioni tratte dai pannelli della mostra

Duostar.gif (1784 byte)Vai al Percorso espositivo