TEATRO MACARIO:RAFFAELLA DE VITA E
L' ARTE DELLA MACCHIETTA

"Il Pennello di Raffaello" , di e con Raffaella De Vita , presentato dal Teatro Macario, rientra nella forma del teatro canoro, che fu inventata a Napoli alla fine dell' Ottocento da Nicola Maldacea. La De Vita, sola protagonista in scena, incarna diversi personaggi alternandosi donna e uomo, signora, ragazzina, o uomo maturo. Il suo costume quindi, meta' femminile e meta' maschile, variopinto e lucido, con pagliette colorate sul capo , la aiuta in questi continui passaggi di toni, di voce, di espressioni gestuali. I personaggi , Rosa Pezza, Carlo Mazza, sono descritti come caricature con i loro difetti e le loro debolezze. Ed e' proprio dalla vitalita' di Raffaella De Vita , dai suoi eccessi, dai suoi doppi sensi che nascono delle " macchiette" e non dei veri personaggi . Ci sono momenti cantati, altri piu' cabarettistici.

La storia, che e' ambientata negli anni '60 a Torino, ci racconta della vita quotidiana di gente comune, ma non semplice ed onesta, anzi: di corrotti e corruttori, piccoli delinquenti , imbroglioni, fannulloni, prostitute che, schiacciati dalla morsa della necessita' e del vizio, escogitano le strategie piu' impensate per vivere approfittandosi del prossimo. A volte quindi la volgarita' fa da padrona, si sente il "vero" di quei personaggi senza riserve di sorta. Ma il tono non vuole essere moralista. A volte un po' malinconico, lo spettacolo e' tutto ironico , beffardo nei confronti dei mali che mostra. Tra truffe e menzogne sembra profilarsi la speranza dell' amore. Ma anche questo non puo' essere quello canonicamente cantato dai testi classici : e' quello un po' insolito ed inaspettato dell'omosessuale. L'attrice esprime le sue macchiette con professionalita' e ne canta le rime, aiutata da tastiere e chitarra. Vigore ed impegno sottolineano questa performance che non sembra per la De Vita nemmeno un attimo piu' faticosa del dovuto, nemmeno sapendo che dal suo costume , ben nascosta, fuoriesce una fasciatura a una gamba infortunata.

Silvia Zopolo

Dal


Torna all'elenco della stagione teatrale .