SISM - CISL

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' DI FORMAZIONE dell'ISTITUTO

Facsimile di Delibera del Collegio docenti

FinalitÓ e obiettivi formativi

Costituiscono un vincolo le finalita' e gli.obiettivi formativi individuati come prioritari nella Direttiva ministeriale ( circ. n. 376 del 23/12/95 ) e cioe':

  1. La gestione delle istituzioni scolastiche ed educative e l'organizzazione collegiale dell'attivita' professionale per il miglioramento della qualita' del servizio:

  2. Promozione del successo formativo:

  3. Il rinnovamento delle impostazioni metodologico- didattiche in relazione a contenuti disciplinari specifici, con riferimento a :
  4. Innovazioni e sperimentazioni dei curricoli di studio

  5. Criteri, metodi e strumenti per la valutazione degli studenti e per l'autovalutazione degli insegnanti

  6. Nuove tecnologiedell'informatizzazione e della comunicazione applicate alla didattica, con particolare riferimento a quelle multuimediali

  7. Educazione del cittadino, legalita', Europa, rapporti con culture diverse e pari opportunita',

ARRICCHITI ed INTEGRATI dai temi prioritari contenuti nell'accordo provinciale:

innalzamento della qualita' della scuola
PEI: elaborazione e contenuto
Carta dei Servizi: elaborazione e contenuto
Misure relative alla sicurezza nell'ambiente di lavoro
Valutazione degli alunni e del sistema
Formazione connessa con l'adozione delle nuove tecnologie
Formazione connessa con i progetti comunitari ed internazionali, gemellaggi, ...
e in modo particolare per il personale ATA:
Conoscenza dei nuovi profili professionali
Formazione del personale in relazione al Decentramento amministrativo
Formazione del personale in relazione al trattamento economico e di carriera
Informatica

Oltre a questi, l'Istituto introduce le seguenti ulteriori tematiche:

...................................................................................................................................................
...................................................................................................................................................
...................................................................................................................................................
perchŔ inerenti la specifica programmazione didattica ed educativa dell'Istituto.

La Commissione per le attivita' di aggiornamento, composta dai docenti,
prof...........................................................................................................................
preso atto del Piano provinciale per l'aggiornamento, del Piano delle attivita' dell'Irrsae Piemonte e delle proposte autorizzate e riconosciute dei vari Enti esterni all'Amministrazione ( Associazioni professionali, Istituti culturali,....);
dopo

PREDISPONE
la seguente ipotesi di piano, da sottoporre al Collegio dei docenti ( con l'indicazione delle relative priorita' sulla base dei criteri indicati dalla Direttiva del Ministero).

Predisposizione del Piano

In coerenza con gli obiettivi formativi nazionali e provinciali, e con quelli specifici enucleati dalla scuola, si individuano, nell'articolazione del piano, le seguenti iniziative:

  1. Iniziative prioritarie promosse dall'Amministrazione a livello nazionale e periferico, anche in collaborazione con gli Irrsae, o promosse autonomamente dagli stessi Irrsae e cioe' (descrizione dell'iniziativa) - (vedi scheda di progettazione delle iniziative) ........................................................................................................................
    .........................................................................................................................................

  2. iniziative progettate in consorzio con le seguenti scuole (o reti di scuole) .............................................................................................................................................
    e cioe': ( descrizione dell'iniziativa ) .................................................................................................................................................
    ........................................................................................................................................................

  3. iniziative di formazione, perfezionamento e specializzazione delle Universita' e di consorzi universitari o di altri soggetti esterni - queste ultime autorizzate dall'Amministrazione - alle quali il collegio docenti aderisce, assumendole come attivita' alle quali far partecipare tutti o alcuni dei docenti, e cioe' (descrizione dell'iniziativa) ..................................................................................................................................
    ..................................................................................................................................................

  4. iniziative progettate e realizzate da Universita' - anche di altri Stati dell'Unione Europea - e da consorzi universitari o da altri soggetti esterni - queste ultime autorizzate dalla Amministrazione - per le quali il collegio dei docenti, sulla base dei criteri contemplati dal piano, riconosce la partecipazione individuale dei singoli docenti, oltre la pianificazione d'Istituto; e cioe' (descrizione dell'iniziativa)
    ..............................................................................................................................
    ......................................................................................................................................................

  5. iniziative realizzate autonomamente da docenti dell'Istituto, con particolare riferimento a quelle finalizzate alla sistematizzazione della partica didattica, alla ricerca e alla produzione di materiali, all'acquisizione e alla sperimentazione di metodologie didattiche; e cioe' (descrizione dell'iniziativa) .....................................................................................................................
    .....................................................................................................................................................

Tali attivita', ai sensi dell'art. 28, comma 8 del CCNL 94/97 comparto scuola, sono da documentare a cura di ogni docente partecipante, con il connesso obbligo di presentare al Collegio docenti materiali prodotti o di dar conto delle innovazioni metodologiche innovatiove acquisite.
Al fine della approvazione delle suddette iniziative in ordine al finanziamento previsto nell'ambito del piano provinciale, si elencano secondo il seguente ordine di priorita' ( nel caso di insufficienza di risorse finanziarie ):
  1. ............................................................................................................................................
  2. ............................................................................................................................................
  3. ............................................................................................................................................
  4. ............................................................................................................................................
  5. ............................................................................................................................................
ecc.

Direttore dei suddetti corsi sara' il capo d'Istituto ed il docente responsabile sarÓ il prof............................................................

Al corso n.░ ........, poiche' di interesse comune, potra' partecipare anche il personale ATA.
Sara' cura della Commissione per le attivita' di formazione ed aggiornamento predisporre una relazione conclusiva, da inviare al Provveditore agli Studi di Torino, in merito alle attivita' svolte e alle modalita' della loro ricaduta sulla didattica.
In particolare dovra' essere effettuata:

Torna a PROFESSIONALITA'