documento sulla formazione per le funzioni-obiettivo,

varato dall'Osservatorio Nazionale nella riunione del 29 dicembre 1999 (24/1/2000)

 

 

OSSERVATORIO: DEFINITO IL DOCUMENTO SULLA FORMAZIONE

L'Osservatorio di orientamento e monitoraggio sulla formazione ha definito, nella riunione di ieri, mercoledì 29 dicembre 1999, il documento di indirizzo sulla formazione degli insegnanti impegnati sulle funzioni-obiettivo. Il documento, in riferimto alle aree previste nel regolamento dell'autonomia, suggerisce gli obiettivi da raggiungere con le azioni formative, la metodologia da attivare, le competenze trasversali e specifiche da raggiungere.
Si conclude così un ulteriore passaggio previsto dal Contratto integrativo.
Nei prossimi giorni il documento sarà inviato ai provveditorati e si avvierà la fase provinciale di organizzazione dei corsi.


OSSERVATORIO DI ORIENTAMENTO E MONITORAGGIO DELLA FORMAZIONE

FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI PER LE FUNZIONI OBIETTIVO

1. FUNZIONI OBIETTIVO

"Per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di autonomia, la risorsa fondamentale è costituita dal patrimonio professionale dei docenti, da valorizzare per l'espletamento di specifiche funzioni-obiettivo riferite alle seguenti aree: la gestione del piano dell'offerta formativa, il sostegno al lavoro dei docenti, interventi e servizi per gli studenti, realizzazione di progetti formativi d'intesa con enti ed istituzioni esterni alla scuola. Tali funzioni sono identificate ed attribuite dal collegio dei docenti, in coerenza con specifici piani dell'offerta formativa."

Tale è l'ambito di individuazione che l'art.28 del C.C.N.L. opera, in riferimento al campo di applicazione entro cui agiranno i docenti titolari delle funzioni medesime.

2. FORMAZIONE DEI DOCENTI TITOLARI DELLE FUNZIONI-OBIETTIVO

Gli obiettivi generali di ogni azione formativa sono così definiti nell'art.12 del CCNL:

"Nell'ambito dei processi di riforma e di innovazione nella scuola, la formazione costituisce una leva strategica fondamentale per lo sviluppo professionale del personale, per il necessario sostegno agli obiettivi di cambiamento, per una efficace politica di sviluppo delle risorse umane attraverso qualificate iniziative di prima formazione ed in servizio, di mobilità, riqualificazione e riconversione professionale, nonché di interventi formativi finalizzati a specifiche esigenze"

In particolare, in relazione alla funzio__ne dei docenti, l'art. 17 del CCNI prevede l'azione di formazione degli insegnanti che svolgono funzioni di supporto all'organizzazione scolastica (funzioni-obiettivo).

" Per la preparazione del personale che dovrà svolgere le funzioni-obiettivo previste dall'art.28, comma 1 del C.C.N.L., l'Osservatorio individua i criteri generali per il riconoscimento dei crediti formativi e professionali e contribuisce alla progettazione dei relativi corsi, individuando gli elementi formativi caratterizzanti e le modalità di certificazione. L'amministrazione predispone un piano di azione con le seguenti caratteristiche:

L'intervento formativo si rivolge ad insegnati individuati in ogni singola scuola attraverso una procedura - definita nell'art.17 del CCNI- che opera una comparazione comparazione tra i curricoli del personale e le funzioni-obiettivo attivate. Le azioni formative sono dirette, quindi, a docenti che possono avere buone esperienze di organizzazione, di coordinamento e di gestione in determinati settori della vita di un'istituzione scolastica. Competenze da esplicitare, sviluppare ed accrescere con l'azione formativa.


3. LE AREE

L'articolo 28 del CCNL, per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di autonomia, riprende le 4 aree previste nel regolamento dell'autonomia didattica ed organizzativa (D.P.R. 275 /99 ) entro cui vengono collocate le specifiche funzioni-obiettivo:

La declinazione delle possibili attività da collocare nell'ambito delle aree è esemplificata nell'allegato 3 al CCNI ma le singole istituzioni scolastiche, coerentemente con il proprio piano, possono individuarne altre anche all'interno della stessa area o trasversali a più aree.
Le varie articolazioni di funzioni e competenze non hanno altro senso che evidenziare una procedura di lavoro. Le funzioni - obiettivo sono dunque una risorsa per la gestione del piano dell'offerta formativa , costituiscono un elemento strategico per la scuola dell'autonomia.


4. FORMAZIONE: OBIETTIVI

Le azioni da progettare nei corsi di formazione dei docenti responsabili delle funzioni-obiettivo dovranno pertanto porsi lo scopo di:
- dar corpo all_öte idea di scuola come organizzazione
- rafforzare professionalità per gestire la complessità della scuola autonoma
- avere figure di riferimento per aree di intervento strategiche nella vita della scuola.

Fondamentali risultano:

La formazione deve essere di carattere mirato e specifico e prestare attenzione alla ricaduta sull'intera istituzione scolastica nella sua progettualità unitaria ed integrata. Poiché non si tratta di funzioni di sistema né funzioni specialistiche, non sono pensabili funzioni-obiettivo per progetti speciali tipo: singoli scambi culturali o protti europei che coinvolgano singoli indirizzi o corsi, tanto meno per attività di coordinamento di gruppi disciplinari specifici o di area, per quanto centrali possano essere all'interno di un curricolo.


5. LA METODOLOGIA

Gli interventi formativi , per accompagnare l'ampio processo di cambiamento culturale delineato, devono basarsi sulla comunione delle esperienze già in atto utilizzando una metodologia che coinvolga attivamente i gruppi di docenti attraverso il confronto tra esperienze diverse e la rilettura e l'auto comprensione delle proprie nella prospettiva della realizzazione dell'offerta formativa.

Poiché appare fondamentale il collegamento tra le competenze che si vogliono sviluppare e gli obiettivi di cambiamento che si vogliono raggiungere occorrerà privilegiare tutte le metodologie che si basano sulla interattività e sulla ricerca-azione.

Particolare attenzione va rivolta soprattutto da parte dei coordinatori/conduttori dei gruppi:

- alla riflessione sulle esperienze effettuate;
- al confronto tra le diverse pratiche;
- alla ricaduta sulle didattiche e sui modelli organizzativi;
- alla costruzione di nuovi percorsi operativi.

Le competenze richieste dipendono dalla funzione e dal compito obiettivo. Possono essere distinte in:

a) conoscenze e competenze di base;
b) competenze generali trasversali definite in relazione alla natura dell'incarico:

c) Competenze specifiche, legate alle singole aree funzionali e agli obiettivi prevedibili per ciascuna di esse.

OBIETTIVI D'AREA, CONOSCENZE E COMPETENZE SPECIFICHE

AREA 1 Gestione del piano dell'offerta formativa

__embossOBIETTIVI D'AREA

CONOSCENZE NECESSARIE

COMPETZE SPECIFICHE

Progettazione curricolare coerente col POF

  • POF di scuola
  • Metodologie di progettazione e programmazione
  • Teorie di base del curricolo

Progettazione curricolare

Autovalutazione e valutazione di Istituto in funzione di verifica, correzione e sviluppo delle scelte del POF

  • Letteratura di base sull'argomento
  • Esperienze di autoanalisi di istituto
  • Indicatori, descrittori e standard

Uso procedure e tecniche di autoanalisi

Padronanza procedurE e tecniche di valutazione

Elaborazione questionari

Conduzione interviste

Gestione dati

Ricerca-azione

Progettazione organizzativa coerente e funzionale alle scelte di identità dell'istituto

  • Elementi essenziali di cultura organizzativa

Raccolta e gestione dati

Coinvolgimento e cooperazione dei genitori

  • owidctlparBisogni formativi del territorio
  • Conoscenza del POF di scuola

Competenze relazionali e comunicative

AREA 2 SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE

Gli obiettivi d'area considerati strategici, sulla cui base sono state individuate conoscenze e competenze specifiche

OBIETTIVI D'AREA

CONOSCENZE NECESSARIE

COMPETENZE SPECIFICHE

Analisi bisogni formativi e piano di formazione

  • Direttiva 210 sulla formazione
  • __ntext Proposte del nucleo territoriale e dell'IRRE in tema di formazione
  • Letteratura essenziale sulle strategie di formazione

Saper costruire un questionario e condurre interviste

Saper raccogliere e gestire dati

Servizio per un utilizzo didattico delle tecnologie informatiche e multimediali

  • Elementi essenziali di cultura informatica e multimediale
  • Competenze informatiche e multimediali
  • Documentazione educativa e didattica

    • Tecnica della documentazione
    • Tecnica dell'informazione
    • Cultura informatica

    Saper reperire e trattare le risorse documentarie

    Ambiente scolastico come risorsa per la didattica e l'autoformazione

    • Risorse della scuola
    • Domande di docenti

    Saper sostenere la progettualità individuale

    Favorire lo sviluppo della comunicazione in rete

    Favorire la costruzione di contesti di apprendimento

    AREA 3 Interventi e servizi per gli studenti

    Gli obiettivi d'area considerati strategici, sulla cui base sono state individuate conoscenze e competenze specifiche

    __tOBIETTIVI D'AREA

    CONOSCENZE NESSARIE

    COMPETENZE SPECIFICHE

    Compensazione e recupero come progetti di scuola

    • Teorie comunicative
    • Psicologia dell'età evolutiva
    • Teorie curricolari

    Curricolari

    Comunicativo-relazionali

    Di conduzioni di gruppi

    Attività di tutoring

    • Teorie della comunicazione
    • Normativa (obbligo scolastico, continuità, riordino dei cicli...)
    • Aspettative dell'utenza

    Saper costruire modelli di tutoraggio

    Servizio orientamento (in una scuola superiore)

    • Direttiva sull'orientamento
    • Progetti ministeriali per la scuola media e per le superiori
    • L. 59/99

    Ddl Riordino cicli

    • __idctlparSaper gestire un colloquio orientativo
    • Saper gestire i bisogni formativi degli studenti in relazione all'orientamento

    Servizio socio-psicologico di scuola

    • Psicologia dell'età evolutiva ed elementi di psicologia sociale, anche con riferimento alle diversità e all'handicap

    Saper cogliere i problemi ed offrire risposte adeguate

    Saper tradurre i limiti in risorse

    Coordinamento delle attività extracurricolari

    • Realtà sociali e culturali della scuola
    • Bisogni dell'utenza

    Saper leggere le risorse del territorio

    Saper coordinare le iniziative

     

     

     

    AREA 4 Realizzazione di progetti formativi d'intesa con enti ed istituzioni esterne

    Gli obiettivi d'area considerati strategici, sulla cui base sono state individuate conoscenze e competenze specifiche

    OBIETTIVI D'AREA

    CONOSCENZE NECESSARIE

    COMPETENZE SPECIFICHE

    __rdrw15 Progetti alternanza scuola-lavoro

    • Opportunità offerte dal mondo del lavoro, della cultura, delle strutture di assistenza... del territorio
  • Saper interpretare le domande e i problemi degli studenti
  • lbrdrbProgettazione integrata

    • Realtà sociali e culturali in cui la scuola opera
    • Conoscenza di esperienze, di tecniche e di modelli operativi

    Saper collegare le diverse progettualità

    6. I CARATTERI DELL'INTERVENTO

    In prima applicazione l'azione di formazione consta di un corso di 30 ore che include:

    a. un modulo a carattere nazionale - che si avvale del supporto di materiale didattico organizzato in un CD ROM della durata di 10 ore, di cui 5 ore relative ad alcuni contenuti fondamentali dell'autonomia, 5 ore relative alle specifiche funzioni-obiettivo;

    b. un modulo a carattere locale della durata di 20 ore da svolgere a livello territoriale (provinciale o subprovinciale) con una dislocazione funzionale e capace di coprire il più possibile il territorio. Sulla base degli standard organizzativi e di costo (art.11 C.C.N.I.), tenuto conto dei soggetti qualificati ed accreditati di cui all'art.14, comma 6 del C.C.N.I., i corsi saranno realizzati a livello provinciale secondo quanto previsto dal contratto e dalla Direttiva sulla formazione dell'anno 2000.

    Il materiale prodotto dovrà permettere una fruizione personalizzata e sarà disponibile anche in internet con un servizio di help line per facilitare i docenti nell'uso.

    Dal punto di vista organizzativo si suggerisce una scansione delle attività formative in 3-4 moduli (da tenersi nel periodo compreso tra febbraio e maggio 2000 per gruppi non superiori a 25 docenti) intervallati da periodi di autoformazione e di lavoro in situazione.

    I singoli docenti potranno optare, in aggiunta alla formazione specificamente riferita alla funzione ricoperta, anche per la frequenza di ulteriori moduli formativi nel percorso che si effettua "a distanza".

    Il personale incaricato delle funzioni obiettivo non può essere impegnato nelle attività formative.

    7. CERTIFICAZIONE E CREDITI

    Vanno attestate:

    La partecipazione ai corsi costituisce un impegno che deriva dall'accettazione dell'incarico ricevuto e costituirà, al termine, un credito formativo.

    8. MONITORAGGIO

    Attesa l'importanza di valutare e definire nel modo migliore possibile la formazione dei docenti, anche per la profonda correlazione tra tale formazione e la gestione dell'autonomia scolastica, occorre prevedere un monitoraggio di tipo qualitativo che preveda due distinti livelli relativi a:

    1. la qualità dell'intervento formativo rispetto alle esigenze e alle attese dei docenti;
    2. l'arricchimento professionale conseguito dal docente in seguito all'intervento formativo e la sua ricaduta sull'efficienza e sull'efficacia delle attività della scuola.

    Il primo livello di monitoraggio, consistente nella raccolta di informazioni fondamentali, si specifica in relazione all'obiettivo sia di misurare il grado di soddisfazione dei docenti, sia di acquisire elementi il più possibile oggettivi e concreti per definire una mappa articolata delle esigenze dei docenti sulla quale calibrare le attività formative da realizzare in seguito.
    In un'ottica di gradualità il secondo livello di monitoraggio si articolerà in due momenti distinti, ma concettualmente unitari:

    1. all'interno del Piano dell'offerta formativa il Collegio dei docenti potrebbe prevedere, nell'ambito della valutazione dei processi prevista dal D.P.R. 275 dell'8 marzo 1999 (Regolamento recante norme in materia di Autonomia delle istituzioni scolastiche), un'area di monitoraggio, di verifica e di valutazione che appronti strumenti e metodi con i quali l'istituto può analizzare in itinere i propri processi e prodotti stabilendone la coerenza, l'efficacia e l'efficienza rispetto agli obiettivi prefissati.
    Questa prospettiva rende possibile verificare la ricaduta, in termini qualitativi, dell'intervento formativo seguito dal docente incaricato della funzione-obiettivo;

    2. l'osservazione e la riflessione sulla qualità degli interventi formativi, non può restare un'operazione interna alle singole scuole, ma deve riguardare l'intero sistema scolastico, secondo quanto è previsto nel Regolamento sull'autonomia delle istituzioni scolastiche (art.10). Sarà quindi opportuno effettuare a cura di una Istituzione specializzata nel settore della valutazione dei sistemi scolastici una osservazione e una riflessione approfondita su un campione di iniziative.

     

     Torna a NOVITA'