Sessioni riservate: prova orale (1/3/2000)

 

ll Ministero della P.I. ha emanato in data 28.2.2000 la C.M. n. 50 con la quale detta disposizioni relative alla possibilità di concedere esoneri ai componenti le commissioni delle sessioni riservate in occasione dello svolgimento della prova orale.

Questo il testo della Circolare:

"C.M. n. 50 del 28 febbraio 2000

prot. D1/1578

Ai Provveditori agli studi

Oggetto: Corsi per il conseguimento dell'idoneità o abilitazione (O.M. 153/99). Esami finali. Prova orale.

Pervengono numerose segnalazioni circa gravi difficoltà in cui versano i componenti di talune commissioni impegnate negli esami finali dei corsi in oggetto, per l'impossibilità di conciliare in orario pomeridiano il servizio di istituto con gli esami orali dei corsi.

Al riguardo, soprattutto allorchè trattasi di commissioni impegnate con un numero molto elevato di corsisti, si esprime l'avviso che le SS.LL. possano valutare la possibilità di concedere ai componenti l'esonero dal servizio per il tempo strettamente necessario all'espletamento della prova, nel limite dei giorni previsto dalla normativa vigente, purché ciò avvenga senza aggravio di spesa (art. 14, comma 12, d.P.R. 399/88 per la scuola secondaria; art. 1, comma 72, legge 662/96 e art. 41 del CCNL '95 per la scuola elementare).

Per i corsisti in servizio di ruolo e per quelli non di ruolo resta ferma la possibilità, già richiamata con C.M. 22 del 24.1.2000 e nota prot. n. D1/833 del 1 febbraio 2000, di ottenere, per il giorno degli esami, di assentarsi dal servizio, rispettivamente, per permesso retribuito e permesso non retribuito.

F.to Il Direttore Generale

M. Paradisi"

 

Quanto disposto non appare certamente opportuno in quanto sia il riferimento alle succitate norme (in parte superate, in parte mal richiamate) sia la dicitura "senza aggravio di spesa" rischiano di indurre i capi di istituto a non concedere tale possibilità non alleviando le gravi difficoltà in cui versano i componenti delle commissioni (difficoltà ammesse della stessa Amministrazione). Siamo già intervenuti presso la Direzione generale del personale per cercare di modificare tale vanificatoria impostazione."

 

 

 Torna a SINDACALE