Shaolin Tsu Chuan Man Seer Kung Judo Ki Aikido Jiu-Jitsu Kendo Iaido Karate  
Kendo
   

Le Arti

Kendo

A cura del M° MAURO CAPPIO BARAZZONE
III Dan

CNKI I.K.I.R.

COMITATO NAZIONALE KENDO IAIDO

ITALIAN KENDO IAIDO RENMEI

CENNI STORICI

KENDO vuol dire letteralmente VIA DELLA SPADA; la SPADA (KATANA) era l'Arma più usata dai Guerrieri Giapponesi (SAMURAI). L'Arte di usare la Spada (KEN JUTSU) era coltivata in molti modi : Il più comune era quello di studiare le Tecniche di attacco e di difesa usando una Spada vera molto affilata. I vantaggi di usare la Spada vera erano però accoppiati al rischio di procurare al compagno di allenamento gravi ferite, talvolta anche la morte. Si pensò allora di sostituire la Spada con un suo esatto corrispondente in legno : il BOKUTO o BOKKEN.
Più avanti (intorno al 1600) si cominciò a dotare i combattenti di un Armatura parziale che proteggeva determinate parti del corpo, ma che permettesse contemporaneamente di mantenere intatte le caratteristiche del modo tradizionale di combattimento : Velocità, Mobilità, Equilibrio.
Ancora più avanti (intorno al 1700) si cominciò ad usare una nuova arma, la SHINAI, costituita da 4 stecche di Bambù tra di loro unite : Questa può essere considerata la nascita del KENDO.
L'editto Imperiale del 1876 che proibiva a tutti i civili di portare la Spada sarebbe potuto essere un colpo mortale per il KENDO ed invece fece si che si venisse ad accrescere la volontà nazionalistica di proteggere e sviluppare ancora di più la tradizione delle ARTI MARZIALI.
Il KENDO diventò oggetto di studio nelle Scuole di Polizia e le Guerre di conquista risvegliarono negli Ufficiali Giapponesi il desiderio di coltivare sempre meglio le Antiche ARTI MARZIALI.
Nel 1895 fu fondato il BUTOKUKAI di KYOTO (Scuola Superiore di ARTI MARZIALI) con lo scopo di far rifiorire la pratica e l'insegnamento di tutte le Antiche ARTI MARZIALI ed in particolare il KENDO, che fra esse era considerata la più nobile.
Nel 1939 il KENDO divenne Disciplina Scolastica ed inizio a rifiorire con milioni di praticanti.
Dopo la sconfitta nella Seconda Guerra Mondiale il BUTOKUKAI venne chiuso e la pratica delle ARTI MARZIALI proibita. Questo stato di oscuramento durò fino al 1953 quando il KENDO venne ufficialmente ripresentato come Disciplina Sportiva sotto il nome di SHINAI- KYOGI e contemporaneamente fu fondata la FEDERAZIONE NAZIONALE DI KENDO, con il nome di ZEN - KEN - REN.
Dal 1962 il KENDO ritornò ad essere Disciplina Scolastica e nel 1970 fu fondata la IKF ( INTERNATIONAL KENDO FEDERATION ), di cui fece parte la EKF ( EUROPEAN KENDO FEDERATION ), nella quale c'è anche l'ITALIA.
Oggi il KENDO è praticato in molti Paesi del Mondo ed ogni 3 anni si svolgono regolari CAMPIONATI MONDIALI, equamente e geograficamente distribuiti, organizzati dall'IKF (INTERNATIONAL KENDO FEDERATION).

In ITALIA il KENDO inizia ad essere praticato intorno al 1970, anche se qualche esibizione sporadica risale al decennio precedente.

CLASSI KYU, GRADI DAN - QUALIFICHE

  • VI KYU ROKKYU I DAN SHODAN
  • V KYU GOKYU II DAN NIDAN
  • IV KYU YONKYU III DAN SANDAN
  • III KYU SANKYU IV DAN YONDAN
  • II KYU NIKYU V DAN GODAN
  • I KYU IKKYU VI DAN ROKUDAN
  • RENSHI ISTRUTTORE VII DAN SHICHIDAN
  • KYOSHI ASPIRANTE MAESTRO VIII DAN HACHIDAN
  • HANSHI MAESTRO IX DAN KUDAN
  • X DAN JUDAN

I EQUIPAGGIAMENTO PER IL KENDO

  • BOKUTO o BOKKEN - SPADA di LEGNO - DAITO ( LUNGA ) e SHOTO ( CORTA )
  • SHINAI - SPADA di BAMBU'
  • NITTO SHINAI - COPPIA di SHINAI LUNGA e CORTA
  • KATANA o IAITO - SPADA per i KATA o per lo IAIDO
  • KODACHI - SPADA CORTA per i KATA
  • KENDOGI - GIACCA da KENDO
  • HAKAMA - PANTALONE da KENDO o IAIDO
  • TENUGUI - FAZZOLETTO TERGISUDORE per la FRONTE
  • HACHIMAKI - FAZZOLETTO TERGISUDORE per PRINCIPIANTI
  • MEN - COPRICAPO
  • KOTE - GUANTI
  • TARE - GONNELLINO RIGIDO
  • DO - COPRI FIANCHI RIGIDO
  • ZEKKEN - COPRI TARE PORTA NOME

PROGRAMMA TECNICO

II KAMAE - GUARDIE

Con le Armi:

  • TAI TO - POSIZIONE RILASSATA
  • TEI TO - POSIZIONE RACCOLTA
  • NUKE TO - POSIZIONE ACCOVACCIATA CON SPADA SGUAINATA
  • OSAME TO - POSIZIONE ACCOVACCIATA CON SPADA NEL FODERO
  • CHUDAN NO KAMAE - GUARDIA NORMALE
  • GEDAN NO KAMAE - POSIZIONE DI TERRA
  • HASSO NO KAMAE - POSIZIONE AL BUIO
  • WAKI NO KAMAE - POSIZIONE ILLUMINATA
  • MIGI YODAN NO KAMAE - POSIZIONE DEL FUOCO DESTRA
  • HIDARI YODAN NO KAMAE - POSIZIONE DEL FUOCO SINISTRA

III HON UCHI - COLPI FONDAMENTALI

  • MEN UCHI - COLPO AL CAPO
    • Può essere portato in 3 posizioni:
    • SHOMEN UCHI - COLPO AL CENTRO DEL CAPO
    • MIGI YOKO MEN UCHI - COLPO AL LATO DESTRO DEL CAPO
    • HIDARI YOKO MEN UCHI - COLPO AL LATO SINISTRO DEL CAPO
  • KOTE UCHI - COLPO AL POLSO
    • può essere portato in 2 posizioni:
    • Se UKE è in CHUDAN o GEDAN NO KAMAE - AL POLSO DESTRO
    • Se UKE è in JODAN o HASSO o WAKI NO KAMAE - AL POLSO SINISTRO
  • MIGI DO UCHI - COLPO AL FIANCO DESTRO
  • HIDARI DO UCHI - COLPO AL FIANCO SINISTRO
  • TSUKI - COLPO DI PUNTA ALLA GOLA OD AL CUORE

IV MAAI - DISTANZE

  • ISSOKU ITTO NO MAAI - DISTANZA NORMALE
  • TOO MAAI - LUNGA DISTANZA
  • CHIKAI MAAI - CORTA DISTANZA

V ASPETTI PSICOLOGICI DELLA POSIZIONE E DELL'ATTACCO

  • METSUKE - FISSARE LO SGUARDO
  • ENZA NO METSUKE - FISSARE LONTANO ( MONTAGNA )
  • KIAI - GRIDO
  • KI KEN TAI - UNIONE DELLO SPIRITO, DELLA SPADA E DEL CORPO

VI KIHON DOSA - AZIONI FONDAMENTALI

  • SANKYO DO - VIA DEI 3 PRINCIPI ( TEMPI )
  • NIKKYO DO - VIA DEI 2 PRINCIPI ( TEMPI )
  • YKKYO DO - VIA DEL SINGOLO PRINCIPIO ( TEMPO )

VII GEIKO - ALLENAMENTO

  • KAKARI GEIKO - ATTACCHI LIBERI
  • BUTSUKARI GEIKO - RIPETIZIONI DI ATTACCHI
  • GI GEIKO - COMBATTIMENTO LIBERO
  • SHIAI GEIKO - COMBATTIMENTO ARBITRATO