INZIATIVE PER LA SCUOLA

LA SCUOLA 

Il Salone della Musica è un Salone giovane, non solo perché agli inizi, ma per la forte presenza di ragazze e ragazzi che trovano nella musica un motivo di fortissimo interesse. Proprio per questo è un Salone che moltiplica le proposte rivolte al mondo della scuola, oggi sempre più consapevole della necessità di proporre la musica come un linguaggio ricco di opportunità educative. Si è impegnato così a diversificare le sue offerte, perché tutti, insegnanti e ragazzi, possano trovare motivi di reale interesse a partecipare all'evento. Per i ragazzi il Salone propone la musica come una dimensione in cui entrare ascoltando, toccando, creando insieme. 

  • Musica da Ascoltare lezioni-concerto su diversi generi musicali dalla classica al jazz con la presenza di grandi artisti dal vivo. Segnalati sul programma generale consigliati per le scuole.
  • Musica da Suonare concerti con i rappresentanti degli studenti coinvolti nella Giornata dell'Arte Studentesca promossa dal Ministero della Pubblica Istruzione che provengono da Benevento, Bologna, Catania e Torino.
  • Musica da Toccare laboratori di incontro con gli strumenti musicali e un ricco programma di proposte dei laboratori musicali organizzati dai Servizi Socio Educativi del Comune di Torino per entrare in modo suggestivo nell'universo della musica.
  • Musica e Arte performance basate sulle connessioni che legano le arti visive alla musica. Oltre all'Aerosol Art proposta dai Writers che si esibiranno durante i concerti delle band studentesche, il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea proporrà attività di laboratorio che prendono in considerazione esperienze musicali in rapporto all'arte.

Sempre agli insegnanti è dedicato il corso di aggiornamento L'uomo e il rumore, prosecuzione ideale del convegno La biologia della musica, tenutosi durante il primo Salone della Musica. 

L'uomo e il rumore

Negli ultimi tempi il prepotente e inarrestabile sviluppo della civiltà industriale ha determinato una degradazione dell'ambiente, inquinando l'atmosfera, il mondo marino e quello terrestre.

In questo contesto si inserisce anche il rumore che coinvolge l'uomo attraverso un contatto "obbligatorio" (uomo-ambiente di lavoro rumoroso), "involontario" (uomo-vita di relazione), e "volontario" (uomo-attività rumorose voluttuarie). Per questi motivi risulta importante e attuale discutere e approfondire gli aspetti socio-economici e comunicativi che sono intimamente legati a questo problema. L'incontro si prefigge di analizzare sotto il profilo scientifico gli aspetti fisici e comunicativi del rumore unitamente a quelli edonistici ed emotivi. Verranno in particolare approfonditi gli aspetti che riguardano il rumore come informazione (rumore da strumenti, rumore corporeo) e come contro informazione, oltre al rumore come fenomeno di disturbo e come fenomeno di mascheramento. I relatori affronteranno anche il problema del danno uditivo ed extra-uditivo da rumore unitamente a tutti i risvolti socio-economici e clinici. Verrà infine considerato e analizzato il rapporto fra il rumore e la vita di relazione umana per evidenziare gli aspetti positivi e negativi del fenomeno e per migliorare la qualità di vita dell'uomo all'approssimarsi dell'inizio del Terzo millennio.

Interverranno: Carlo Giordano, direttore del Servizio Universitario di Audiologia Clinica di Torino; Giuseppe Righini, già Direttore del Reparto di Acustica dell'Istituto Elettrotecnico Nazionale "Galileo Ferraris" di Torino; Oskar Schindler, titolare della cattedra di Audio-Fonologia dell'Università degli Studi di Torino. 

Workshop. Musica, scuola, istituzioni

L'idea è quella di rispondere a due esigenze convergenti:

  • da parte del Salone della Musica, di connotarsi come spazio solido di rapporto tra l'offerta professionale e il mercato;
  • da parte della scuola, l'esigenza di arricchire e articolare la propria offerta formativa rispetto alle linee di sviluppo dell'educazione musicale e il nuovo assetto riferito all'autonomia.  

Oltre alla parte "forte" del mondo professionale, individuabile nelle majors e nei costruttori di strumenti musicali esiste oggi tutta una nuova realtà che propone pacchetti di formazione lavorando direttamente sui docenti, sulle classi o sui ragazzi. In molti casi, Enti locali o Enti musicali affidano o si avvalgono direttamente dei servizi reperibili presso queste associazioni o di persone che all'interno di queste associazioni hanno acquisito una particolare professionalità.

La scuola sta vivendo un momento di forte cambiamento che richiede un ripensamento del suo ruolo. E' coinvolta in un processo di formazione sempre più articolato e complesso, in particolare nei settori dove esiste una forte domanda da parte del mondo giovanile e un'ancora inadeguata competenza del corpo docente, come quello della musica. E' da tenere presente, inoltre, che la nuova legislazione prevede un'autonomia finanziaria e che in questo momento di passaggio molti istituti trovano difficoltà ad articolare la loro offerta formativa con adeguate progettualità.

Ipotizziamo quindi come momento interessante e potenzialmente produttivo, aprire un confronto fra scuole e tutti i soggetti che si occupano, sotto vari profili, di musica, in pratica i nuovi fornitori di servizi per la promozione della cultura musicale. 

La Scuola CET-Centro Europeo di Toscolano

Il CET, associazione culturale e scuola di perfezionamento per lo sviluppo della musica, è stato fondato cinque anni fa da Mogol. Ai corsi di perfezionamento (per autori di testi, compositori e arrangiatori di musica da film, operatori editoriali e discografici). Il gruppo Fiori di Acqua Dolce, allievi di Mogol, saranno presenti insieme all'autore per esibirsi in una performance che sta a metà tra la lezione e il concerto. Nel corso dell'esibizione verranno eseguite alcune delle canzoni firmate da Mogol Battisti tra cui un inedito.


Prosa S.c.r.l. Via Susa, 35 - 10138 Torino (Telefono: +39 0114337054, Telefax: +39 0114331056)
salone.musica@prosaloni.com

Mirror:
www.arpnet.it/salibro