Club Lavoro

Il "Club Lavoro" è uno spazio aperto quale sportello d'informazione per tutti coloro che cercano un lavoro o che necessitano di notizie relative all'orientamento scolastico, ma è altresì un luogo d'incontro e spazio per iniziative di orientamento, socializzazione, formazione e auto-aiuto nella ricerca del lavoro.

L'attività del "Club Lavoro" assume pertanto la seguente forma:

- apertura di uno sportello informativo con la presenza di un operatore per 12 ore settimanali.
- realizzazione di corsi di abilità sociali.
- promozione e costituzione dei gruppi di auto-aiuto.

Sportello Informativo.

All'interno di questa struttura, i fruitori potranno trovare informazioni relative ai percorsi scolastico-professionali, all'avviamento al lavoro, all'auto-impiego, ai contratti, agli stages, alle borse di studio e alle "borse lavoro", ai diritti della persona e ai diritti sindacali, ai diritti ed alle prestazioni nei confronti dei disoccupati, etc..
Ciò potrà avvenire sia tramite colloqui individuali o di gruppo, sia attraverso la consultazione di materiale cartaceo e informatico.

Corsi di abilità sociali.

Tali corsi, che prevedono la partecipazione di gruppi composti da una decina di soggetti, hanno come obbiettivo la costruzione di un bilancio formativo, di uno sviluppo motivazionale e di uno sviluppo delle capacità espressive e relazionali teso a favorire un processo di inserimento al lavoro strettamente collegato alle dinamiche del vivere sociale, sviluppando competenze sulle tecniche della ricerca del lavoro ed educando alla partecipazione.
Un ipotesi di corso può articolarsi nelle seguenti aree di intervento:
- area 1: conoscenza e scambio libero di esperienze.
- area 2: sviluppo motivazionale e costituzione del gruppo.
- area 3: analisi e conoscenze di base sul mercato del lavoro.
- area 4: conoscenza del territorio, dei centri e dei servizi presenti.
- area 5: tecniche per la ricerca del lavoro.

Promozione e costituzione di gruppi di auto-aiuto.

Il gruppo di auto-aiuto è la fase in cui gli orientatori-formatori assumono un ruolo sempre più indiretto.
In questa fase, più che controllare e dirigere i processi, ci si occupa di farli emergere e di esplicitarli con l'obbiettivo fondamentale di favorire il più possibile l'autonomia e l'indipendenza dei membri del gruppo.
I membri del gruppo di auto-aiuto sperimentano, senza più simulare come avviene nei corsi di abilità sociali, quanto hanno appreso.
Il gruppo di auto-aiuto si dedica:
- alla mappatura delle realtà produttive
- alla ricerca di fonti e informazioni relative alla ricerca del lavoro
- alla selezione dgli annunci
- alla compilazione ed alla consegna delle domande di lavoro e relativi curriculum
- all'ideazione di attività relative all'autoimpiego
- ai rapporti con il territorio
- all'analisi delle azioni svolte e alla verifica dei risultati.

E' un lavoro che utilizza le dinamiche e le potenzialità di gruppo al fine di creare un' atmosfera di reciproco sostegno e solidarietà tra i soggetti che condividono uno stesso problema.
Nascendo attorno ad una condizione problematica (l'assenza di lavoro) condivisa da tutti, e rendendo i membri corresponsabili dell'aiuto e dei servizi forniti dal gruppo definendoli al tempo stesso fruitori e fornitori d'aiuto, il gruppo innesca un meccanismo efficace di sblocco della "sfiducia in sé stessi", della passività e del "senso d'impotenza".