SCUOLA DI FORMAZIONE CIVILE E POLITICA 1996 -1997

Secondo ciclo
2 Aprile - 12 giugno 1997

Le valutazioni, le richieste e le indicazioni, formulate dai partecipanti e dallo staff dei formatori a conclusione del primo ciclo della Scuola di Formazione Civile e Politica, sono state discusse col Comitato Scientifico ed hanno portato alla conferma della realizzazione della seconda parte dei lavori nella primavera prossima.
Le considerazioni sostanzialmente positive dei diversi attori di questa iniziativa innovativa, hanno portato a confermare gli obiettivi che caratterizzano questa scuola sperimentale e che si possono sintetizzare nei seguenti punti:

La metodologia di lavoro resta confermata nella sua filosofia di fondo, volta a valorizzare l'esperienza dei partecipanti, a favorire una loro attivazione, a collegare modelli e riflessioni teoriche con la prassi
. Vengono invece introdotte alcune modificazioni circa gli strumenti utilizzati e l'organizzazione dei lavori.
Mentre sono confermati come strumenti formativi fondamentali i quattro gruppi condotti stabilmente dai professionisti già sperimentati, le esercitazioni e le lezioni, si è ritenuto di non più utilizzare le figure degli esperti, che intervenivano negli incontri successivi alle lezioni. Si è anche deciso di ridurre il numero degli incontri per settimana, ma nel contempo di meglio focalizzare i problemi sui quali lavorare. Il secondo ciclo della Scuola di formazione civile e politica si articolerà così in tre fasi tematizzate, costituite ciascuna da tre incontri infrasettimanali serali e da una giornata intera (un sabato): il laboratorio.
Ciò permetterà di concentrare l'attenzione su alcune questioni considerate critiche e nel contempo di condurre degli approfondimenti significativi attraverso lavori di ricerca, esercitazioni ed elaborazioni in gruppo. Il laboratorio è previsto come un momento in cui sarà possibile riprendere e sviluppare con maggiore tranquillità ed intensità i problemi che definiscono la fase. In questo secondo ciclo sarà data ancora maggiore importanza alle esperienze dei partecipanti ed in questo senso potranno essere proposti dei lavori di interfase. Il secondo ciclo si aprirà con una lezione inaugurale pubblica e si chiuderà con un incontro di valutazione conclusivo.
Le tre aree tematiche individuate cercando di valorizzare le indicazioni formulate dai partecipanti e dai formatori, corrispondenti ciascuna ad una delle fasi, sono:



Calendario

Relazione introduttiva:
1.	Mercoledì 2 aprile, ore 21
	A. Pizzorno, L'opposizione nei regimi rappresentativi: gli aspetti teorici e il caso italiano. 



Fase A: Come cambia lo Stato Sociale
2.	Venerdì 4 aprile, ore 20
 	Lavori di gruppo: introduzione al processo formativo e accordi di lavoro

3.	Giovedì 10 aprile, ore 20
	C. Saraceno, La riforma del welfare state

4.	Giovedì 17 aprile, ore 20
              N. Negri, Politiche locali contro la povertà

5.	Sabato 19 aprile, ore 9-17
	Laboratorio


Fase B:  Potere, processi decisionali e gestione dei conflitti

6.	Giovedì 8 maggio, ore 20
       A. Mastropaolo, Processi decisionali e democrazia

7.	Giovedì 15 maggio, ore 20
       L. Bobbio, La valutazione delle politiche pubbliche 

8.	Giovedì 22 maggio, ore 20 
      Lavori di gruppo

9.	Sabato 24 maggio, ore 9-17
      Laboratorio,
	A. Orsenigo, Gestione dei conflitti e dei processi di integrazione 	
			       nei gruppi


Fase C: Gli effetti dell'unificazione europea e del federalismo   
             sull'amministrazione locale

10. Venerdì 30 maggio, ore 20
      F. Pizzetti, L'attuazione del federalismo 

11. Venerdì 6 giugno, ore 20
     E. Letta, Il significato dell'unificazione europea

12. Sabato 7 giugno, ore 9-17
      Laboratorio

13. Giovedì 12 giugno, ore 20
      Lavori di gruppo
      Valutazione del percorso formativo


Gli incontri si svolgeranno nelle serate di giovedì o venerd', dalle 20 alle 23, mentre i laboratori avranno luogo nella giornata di  sabato, dalle 9 alle 17.
La sede degli incontri sarà ancora presso il Comitato per la Costituzione "Cittadini non sudditi", 
in via Vanchiglia, 3 - 10124 Torino, telefono: 011 8170119, fax 011 8395403.


	I gruppi resteranno composti dagli stessi partecipanti al primo ciclo, 
	CHE DOVRANNO 	CONFERMARE TELEFONICAMENTE
	ALLA SEGRETERIA (TEL. 011/83.95.402),
	ENTRO IL  25 MARZO LA LORO ISCRIZIONE. 
	Gli stessi gruppi potranno essere integrati con altri partecipanti,
	nel caso di ritiri, dato l'elevato numero di richieste.


Lo staff è composto da:
*	direttore: Nicola Tranfaglia;
*	vice direttore: Sergio Scamuzzi;

*	comitato scientifico: Arnaldo Bagnasco, Michelangelo Bovero, Bruno Contini, Guido Neppi Modona, Achille Orsenigo, Lauretta Ottolenghi, Francesca Pavese, Franco Pizzetti, Gian Enrico Rusconi, Sergio Scamuzzi, Nicola Tranfaglia;

*	conduttori di gruppo: Amelia Andreasi, Eusebio Balocco, Francesco D'Angella, Maria Teresa Fenoglio;
*	supervisione: Achille Orsenigo - Studio APS