Date: Fri, 13 Nov 1998 18:24:40 +0100
From: direttore
Subject: Documento Direttori Conservatorio
To: "'animus@arpnet.it'"
Organization: Conservatorio Giuseppe Tartini - TRIESTE
Encoding: 53 TEXT

I sottoscritti Direttori di Conservatorio

PRESO ATTO dell'improvviso e radicale mutamento di indirizzo ministeriale riguardo agli organici dei Conservatori, che sta comportando la chiusura indiscriminata di cattedre funzionanti lo scorso anno per le quali esistono a tutt'oggi gli allievi,

RILEVATO che tale mutamento non e stato preannunciato ne tantomeno concordato con i Conservatori, ed e in totale difformita con il vigente Decreto interministeriale sugli organici (D.M. 31.7.1997) e con le istruzioni ricevute dall'Ispettorato Istruzione Artistica (C.M. 23.3.1998 e 25.9.1998, ove si richiama l'O.M. 28.3.1985),

EVIDENZIATA la totale mancanza di prospettive che tale mutamento ingenera nell'utenza, nel personale e nel futuro stesso dei Conservatori,

CONSIDERATA la profonda alterazione della prassi sino ad oggi vigente, che pone i Direttori stessi nell'impossibilita di svolgere consapevolmente ed efficacemente la loro funzione

ESPRIMONO
la loro piu vibrante protesta per i contenuti ed i metodi adottati dal Ministero nel dare attuazione ad una disposizione asseritamente rapportata alla Legge Finanziaria, ma certamente suicida per l'istruzione musicale professionale di Stato e totalmente avulsa da ogni contesto programmatico e di prospettive per la valorizzazione di un patrimonio pubblico quale sono i Conservatori di musica

CHIEDONO
Un immediato incontro con il Ministro della Pubblica Istruzione sull'argomento "Organici dei Conservatori statali di musica e regolare avvio dell'anno accademico 1998/99". A questo proposito essi chiedono:

1. L'immediata riattivazione per l'a.a. 98/99 degli insegnamenti principali gia funzionanti in base all'organico di fatto 97/98, e autorizzazione al funzionamento dei corrispondenti corsi complementari obbligatori. Garanzia, in presenza anche di un solo allievo tenuto a frequentare obbligatoriamente un insegnamento, che siano assicurate almeno le frazioni di cattedra necessarie alla parziale attivazione dello stesso

2. L'autorizzazione all'apertura di nuove cattedre per ogni anno accademico in numero pari ad una percentuale degli organici esistenti e comunque non inferiore al numero di cattedre chiuse nei singoli istituti nello stesso periodo. Il risparmio derivante dall'eventuale chiusura di cattedre dovra obbligatoriamente essere reinvestito a livello nazionale nell'apertura di altre cattedre per le quali vi sia documentata richiesta.

3. L'immediata costituzione di una Conferenza permanente dei Direttori di Conservatorio, con le attribuzioni e le dotazioni previste per la gia esistente Conferenza dei Rettori delle Universita. E cio allo scopo di investire la competenza di chi opera nei Conservatori ai fini di una politica culturale che ne garantisca la salvaguardia e lo sviluppo.

Milano, 8 novembre 1998

SEGUONO FIRME

Bari, Benevento, Bologna, Brescia, Castelfranco Veneto, Cagliari, Cesena, Como, Cuneo, Fermo, Ferrara, Firenze, Foggia, Genova, L'Aquila, La Spezia, Lecce, Mantova, Milano, Novara, Palermo, Parma, Pesaro, Pescara, Piacenza, Reggio Calabria, Rovigo, Sassari, Torino, Trento, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza.
(adesioni aggionate al 12/11/1998 - altre sono preannunciate)