RIDUZIONE DELL'IVA AL 4% PER I DISABILI CHE ACQUISTANO SUSSIDI TECNICI E INFORMATICI

 

Computer, fax, programmi, modem, ecc., ecc., sono acquistabili dai disabili di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio con l'IVA al 4% (generalmente su questi prodotti è al 20%) direttamente al negozio di fiducia senza complessi iter burocratici.

Infatti, il 14 marzo 98, ad oltre un anno dall’approvazione della Legge 30/1997 (la quale prevedeva che ai "sussidi tecnici ed informatici rivolti a facilitare l'autosufficienza e l'integrazione dei soggetti portatori di handicap di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104" si applicasse l’aliquota IVA agevolata al 4%), il Ministero delle Finanze ha finalmente approvato il Decreto (pubblicato in G.U. 2 aprile 1998, n. 77) che fissa le modalità alle quali è subordinata l’applicazione di quel beneficio.

Il suddetto decreto precisa che alle importazioni e alle cessioni dei sussidi tecnici rivolti a facilitare l’autonomia e l’integrazione dei soggetti portatori di handicap (di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104) si applica l’imposta sul valore aggiunto nella misura del 4%.

Come sussidi tecnici e informatici vengono definiti "le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere alla riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, il controllo dell’ambiente e l’accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva uditiva o del linguaggio".

Potenzialmente sono quindi inclusi nell’agevolazione un gran numero di prodotti; va però rilevato come, fra le menomazioni correlate a tale beneficio, non sia prevista la disabilità intellettiva e psichica; ciò potrebbe escludere, ad esempio, alcuni programmi educativi progettati per il recupero o lo sviluppo di funzioni cognitive in caso di ritardo dell’apprendimento.

All’atto della cessione o dell’importazione (in pratica all'acquisto), gli interessati al beneficio dovranno presentare la seguente documentazione: